L'A. condivide la decisione delle Sezioni Unite di negare l'esistenza del danno esistenziale, di superare la figura del danno morale soggettivo, di dar rilievo ai criteri della "gravità della lesione" e della "serietà del danno" e di ammettere il pieno ricorso alle valutazioni prognostiche e alla prova presuntiva. Non convincono, invece, la ricostruzione di una pretesa "tipicità" del sistema del danno non patrimoniale, fondata sul tentativo di far collimare la "tipicità" dei diritti inviolabili con una clausola generale "aperta" che li qualifica in termini di "atipicità" (art. 2 Cost.); la mancata considerazione della prospettiva dinamica del rapporto e del giudizio di comparazione tra gli interessi in conflitto; l'erroneo ricorso al giudizio d'ingiustizia per il danno non patrimoniale "da inadempimento"; la scelta di non considerare risarcibile il danno tanatologico e di riesumare, in sua vece, il danno esistenziale da sofferenza catastrofica; la "globalizzazione" del danno non patrimoniale che, non consentendo di distinguere tra danno biologico e danno morale, ingenera confusione tra i diversi sistemi di valutazione e di liquidazione; la mancata indicazione di qualsiasi standard per la quantificazione del "nuovo" danno morale. Per il danno "da reato" (ex art. 185 c.p.) permane l'originaria funzione punitiva della riparazione, voluta dai legislatori del 1930 e del 1942.

Chiaroscuri d'autunno. Il danno non patrimoniale e le Sezioni Unite

PROCIDA MIRABELLI DI LAURO, ANTONINO
2009

Abstract

L'A. condivide la decisione delle Sezioni Unite di negare l'esistenza del danno esistenziale, di superare la figura del danno morale soggettivo, di dar rilievo ai criteri della "gravità della lesione" e della "serietà del danno" e di ammettere il pieno ricorso alle valutazioni prognostiche e alla prova presuntiva. Non convincono, invece, la ricostruzione di una pretesa "tipicità" del sistema del danno non patrimoniale, fondata sul tentativo di far collimare la "tipicità" dei diritti inviolabili con una clausola generale "aperta" che li qualifica in termini di "atipicità" (art. 2 Cost.); la mancata considerazione della prospettiva dinamica del rapporto e del giudizio di comparazione tra gli interessi in conflitto; l'erroneo ricorso al giudizio d'ingiustizia per il danno non patrimoniale "da inadempimento"; la scelta di non considerare risarcibile il danno tanatologico e di riesumare, in sua vece, il danno esistenziale da sofferenza catastrofica; la "globalizzazione" del danno non patrimoniale che, non consentendo di distinguere tra danno biologico e danno morale, ingenera confusione tra i diversi sistemi di valutazione e di liquidazione; la mancata indicazione di qualsiasi standard per la quantificazione del "nuovo" danno morale. Per il danno "da reato" (ex art. 185 c.p.) permane l'originaria funzione punitiva della riparazione, voluta dai legislatori del 1930 e del 1942.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
IL DANNO NON PATRIMONIALE.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 1.65 MB
Formato Adobe PDF
1.65 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/347432
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact