Per la fortuna del «Torrismondo» a Napoli nel Seicento: «La gioia» di Francesco Antonio Giusto