Solitudine cosmica e condizione epifanico-onirica nella narrativa pirandelliana: da «Uno, nessuno e centomila» a «Una giornata»