Il saggio esamina l'evoluzione del concetto di indipendenza delle banche centrali a partire dalla crisi del 1929 ad oggi. Sono distinti i diversi significati del concetto di indipendenza mostrando come le moderne analisi economiche ritengano necessario attribuire alle autorità monetarie una forma di indipendenza diversa da quelle attribuita nelle esperienze passate, che pone un problema di conciliabilità con i principi della democrazia rappresentativa. Il lavoro, oltre a mettere in evidenza i limiti delle recenti analisi dell'indipendenza delle banche centrali, chiarisce i motivi per cui si debba parlare di una contraddizione apparente, e non effettiva, tra indipendenza e democrazia.

Fondamenti dell'indipendenza delle banche centrali in una società democratica

PANICO, CARLO;
2007

Abstract

Il saggio esamina l'evoluzione del concetto di indipendenza delle banche centrali a partire dalla crisi del 1929 ad oggi. Sono distinti i diversi significati del concetto di indipendenza mostrando come le moderne analisi economiche ritengano necessario attribuire alle autorità monetarie una forma di indipendenza diversa da quelle attribuita nelle esperienze passate, che pone un problema di conciliabilità con i principi della democrazia rappresentativa. Il lavoro, oltre a mettere in evidenza i limiti delle recenti analisi dell'indipendenza delle banche centrali, chiarisce i motivi per cui si debba parlare di una contraddizione apparente, e non effettiva, tra indipendenza e democrazia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/205728
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact