Dante in Gravina e Vico: a proposito di una recente interpretazione