Da "architetto vulgo ingeniero" a "scienziato artista": la formazione dell'ingegnere meridionale tra Sette e Ottocento