Il Disegno come 'opera grave'