Il contributo ripercorre la vicenda storico-urbanistica della fascia costiera napoletana, dall'epoca antica a quella contemporanea, analizzandone le successive destinazioni sociali e funzionali, il disegno degli insediamenti patrizi, popolari e borghesi, fino ai programmi industriali che, nel secondo Ottocento e nel Novecento, ne hanno interessato il tratto orientale e l'estrema propaggine occidentale: il testo mette quindi in luce le contraddizioni insite in queste scelte, specie in relazione alla secolare vocazione terziaria della fascia litoranea.

La costa napoletana tra mito e utopia: dal Grand Tour all'idea di un destino industriale

BUCCARO, ALFREDO
2003

Abstract

Il contributo ripercorre la vicenda storico-urbanistica della fascia costiera napoletana, dall'epoca antica a quella contemporanea, analizzandone le successive destinazioni sociali e funzionali, il disegno degli insediamenti patrizi, popolari e borghesi, fino ai programmi industriali che, nel secondo Ottocento e nel Novecento, ne hanno interessato il tratto orientale e l'estrema propaggine occidentale: il testo mette quindi in luce le contraddizioni insite in queste scelte, specie in relazione alla secolare vocazione terziaria della fascia litoranea.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/174
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact