LA GESTIONE DEGLI ACQUIFERI NELLE AREE APPENNINICHE