CONCLUSIONI: LO SCENARIO DELLA SECONDA GENERAZIONE