Il cemento armato, dopo circa un secolo di vita, ha manifestato la sua vulnerabilità all’azione del tempo, degli agenti atmosferici, dei terremoti. Le proporzioni del fenomeno impediscono qualunque tentativo di soluzione basato sulla sostituzione programmata delle costruzioni esistenti, perciò, in questi anni, è crescente l’interesse per il degrado ed il recupero delle strutture in cemento armato sia per salvaguardare il patrimonio edilizio esistente sia, quando risulti necessario, per aumentarne i coefficienti di sicurezza strutturale. Ciò sta convincendo i tecnici che non basta più progettare tradizionalmente le strutture in c.a., basandosi essenzialmente sulla verifica meccanica delle sezioni. Si affronta il problema della diffusione di una nuova concezione del cemento armato, più completa ed articolata, che porti a scegliere i materiali anche in base alla durabilità e non più solo sulla resistenza

IL DEGRADO DEL CALCESTRUZZO CEMENTIZIO ARMATO

FUMO, MARINA
2005

Abstract

Il cemento armato, dopo circa un secolo di vita, ha manifestato la sua vulnerabilità all’azione del tempo, degli agenti atmosferici, dei terremoti. Le proporzioni del fenomeno impediscono qualunque tentativo di soluzione basato sulla sostituzione programmata delle costruzioni esistenti, perciò, in questi anni, è crescente l’interesse per il degrado ed il recupero delle strutture in cemento armato sia per salvaguardare il patrimonio edilizio esistente sia, quando risulti necessario, per aumentarne i coefficienti di sicurezza strutturale. Ciò sta convincendo i tecnici che non basta più progettare tradizionalmente le strutture in c.a., basandosi essenzialmente sulla verifica meccanica delle sezioni. Si affronta il problema della diffusione di una nuova concezione del cemento armato, più completa ed articolata, che porti a scegliere i materiali anche in base alla durabilità e non più solo sulla resistenza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/11537
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact