Sull'incerta annullabilità delle dimissioni rassegnate per il timore di un provvedimento che il datore non può adottare