Il tormentato otium dello stoico: Seneca, brev. 2, 3