Il contributo presenta le linee salienti dell’Assistant-lawyer’s Scheme, adottato presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo e con particolare riguardo all’istruzione e trattazione dei ricorsi individuali ex art. 34 CEDU. L’obiettivo è quello di verificare se, ed in che misura, i punti di forza di tale esperienza appaiano in qualche misura replicati con l’introduzione del nuovo “ufficio del processo” ed il (massiccio ma eccezionale) reclutamento di giovani giuristi previsti dal Pnrr

Addetti al nuovo “ufficio del processo” (artt. 11 ss. D.L. n. 80 del 2021) vs. assistant-lawyers presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo: due modelli a confronto

Francesco De Santis di Nicola
2021

Abstract

Il contributo presenta le linee salienti dell’Assistant-lawyer’s Scheme, adottato presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo e con particolare riguardo all’istruzione e trattazione dei ricorsi individuali ex art. 34 CEDU. L’obiettivo è quello di verificare se, ed in che misura, i punti di forza di tale esperienza appaiano in qualche misura replicati con l’introduzione del nuovo “ufficio del processo” ed il (massiccio ma eccezionale) reclutamento di giovani giuristi previsti dal Pnrr
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
3_2021_contributo-006.pdf

accesso aperto

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 716.4 kB
Formato Adobe PDF
716.4 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/905372
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact