L’8 marzo 1855, il governo di Buenos Aires ingaggiava l’esule Silvino Olivieri per formare una compagnia di volontari. La Legión Agrícola- Militar aveva il compito di occupare l’area di Bahía Blanca, sconfiggere la resistenza delle popolazioni indigene e fondare una colonia agricola. Circa 500 uomini parteciparono alla missione che culminò con la nascita di Nuova Roma. Il progetto ridefinì le traiettorie dell’esilio democratico, connettendo il patriottismo diasporico italiano con il movimento repubblicano argentino.

«L’aratro e la spada». Gli esuli italiani oltre la frontiera argentina, 1855-1859

BONVINI A.
2018

Abstract

L’8 marzo 1855, il governo di Buenos Aires ingaggiava l’esule Silvino Olivieri per formare una compagnia di volontari. La Legión Agrícola- Militar aveva il compito di occupare l’area di Bahía Blanca, sconfiggere la resistenza delle popolazioni indigene e fondare una colonia agricola. Circa 500 uomini parteciparono alla missione che culminò con la nascita di Nuova Roma. Il progetto ridefinì le traiettorie dell’esilio democratico, connettendo il patriottismo diasporico italiano con il movimento repubblicano argentino.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BONVINI A, «L’aratro e la spada». Gli esuli italiani oltre la frontiera argentina, 1855-59.pdf

accesso aperto

Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 5.66 MB
Formato Adobe PDF
5.66 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/905274
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact