Uno dei temi dominanti al centro del dibattito sul trasferimento di alcune competenze nazionali a livello ultrastatale riguarda il trattamento dei depositi in caso di fallimenti bancari su larga scala. L’introduzione di un meccanismo europeo creerebbe per la prima volta nell’area dell’Unione europea un sistema di assicurazione centralizzato e sovranazionale e contribuirebbe ad eliminare l’attuale asimmetria sostanziale a livello locale nella protezione dei depositanti. Affiancandosi al SSM e al SRM, il Meccanismo europeo di assicurazione dei depositi avrebbe come fine quello di fornire una rete di protezione più efficace per scongiurare che gli effetti delle crisi assumano dimensioni sistemiche. Nel solco della transizione verso un mercato bancario più integrato e di un’ulteriore armonizzazione delle politiche nazionali, i policymakers e le banche europee sono, dunque, chiamati a riprogettare le strutture esistenti inserendo alcune correzioni e prevedendo ulteriori elementi costitutivi. L’obiettivo del presente lavoro è di analizzare punti di forza e di debolezza delle diverse opzioni praticabili e di trarre alcune conclusioni provvisorie su misure quid-pro-quo potenzialmente adeguate per le diverse forme di assicurazione dei depositi a livello europeo

L’assicurazione europea dei depositi tra modelli misti, riduzione dei rischi e traiettorie evolutive dell’Unione bancaria

SCIPIONE Luigi
2022

Abstract

Uno dei temi dominanti al centro del dibattito sul trasferimento di alcune competenze nazionali a livello ultrastatale riguarda il trattamento dei depositi in caso di fallimenti bancari su larga scala. L’introduzione di un meccanismo europeo creerebbe per la prima volta nell’area dell’Unione europea un sistema di assicurazione centralizzato e sovranazionale e contribuirebbe ad eliminare l’attuale asimmetria sostanziale a livello locale nella protezione dei depositanti. Affiancandosi al SSM e al SRM, il Meccanismo europeo di assicurazione dei depositi avrebbe come fine quello di fornire una rete di protezione più efficace per scongiurare che gli effetti delle crisi assumano dimensioni sistemiche. Nel solco della transizione verso un mercato bancario più integrato e di un’ulteriore armonizzazione delle politiche nazionali, i policymakers e le banche europee sono, dunque, chiamati a riprogettare le strutture esistenti inserendo alcune correzioni e prevedendo ulteriori elementi costitutivi. L’obiettivo del presente lavoro è di analizzare punti di forza e di debolezza delle diverse opzioni praticabili e di trarre alcune conclusioni provvisorie su misure quid-pro-quo potenzialmente adeguate per le diverse forme di assicurazione dei depositi a livello europeo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Scipione_2022.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 899.55 kB
Formato Adobe PDF
899.55 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/905144
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact