Sin dalle epoche più antiche con l’esclusione della fase I della sequenza di D.G. Lollini, le sepolture della cultura picena sono caratterizzate da corredi funerari esuberanti e corrispondono a società complesse, che comprendevano al proprio vertice pure individui di alto rango. Le élites furono costantemente in contatto con i gruppi di altre regioni, sia della penisola sia di altre aree del Mediterraneo, specie orientale, e ne assorbirono i costumi tramite i cimeli importati, per i cui usi non possono essere escluse varianti in armonia con costumi locali. Il microcosmo delle comunità picene insediate nelle vallate si reggeva su un precario equilibrio di rapporti, raggiunto con fatica tra VII e V sec. a.C., prima scosso nel IV sec. a.C. dalle invasioni celtiche e dalla fondazione siracusana ad Ancona, quindi definitivamente infranto nel III sec. a.C. dalla conquista romana.

La memoria dei defunti,

Naso, Alessandro
Primo
2022

Abstract

Sin dalle epoche più antiche con l’esclusione della fase I della sequenza di D.G. Lollini, le sepolture della cultura picena sono caratterizzate da corredi funerari esuberanti e corrispondono a società complesse, che comprendevano al proprio vertice pure individui di alto rango. Le élites furono costantemente in contatto con i gruppi di altre regioni, sia della penisola sia di altre aree del Mediterraneo, specie orientale, e ne assorbirono i costumi tramite i cimeli importati, per i cui usi non possono essere escluse varianti in armonia con costumi locali. Il microcosmo delle comunità picene insediate nelle vallate si reggeva su un precario equilibrio di rapporti, raggiunto con fatica tra VII e V sec. a.C., prima scosso nel IV sec. a.C. dalle invasioni celtiche e dalla fondazione siracusana ad Ancona, quindi definitivamente infranto nel III sec. a.C. dalla conquista romana.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Naso_estratto_MM19 .pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 331.83 kB
Formato Adobe PDF
331.83 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/903465
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact