Il saggio, in lingua francese, prende in considerazione la produzione letteraria di Piero Bigongiari per cogliervi il riposto significato del momento della elaborazione artistica, legato alla giustapposizione tra momento formale ed informale della creazione. Si tratta di una antitesi che risulta ben illustrata dalla rappresentazione dell’elemento femminile, per analizzare il quale vengono riletti i seguenti scritti di Bigongiari: “Il caso e il caos” (1961), “Il Seicento fiorentino” (1974), “Dal Barocco all’Informale” (1980), “Taccuino pittorico” (1994).

Les mots sculptés. Théâtralisation de la femme dans l’œuvre de Piero Bigongiari

Donati Riccardo
2009

Abstract

Il saggio, in lingua francese, prende in considerazione la produzione letteraria di Piero Bigongiari per cogliervi il riposto significato del momento della elaborazione artistica, legato alla giustapposizione tra momento formale ed informale della creazione. Si tratta di una antitesi che risulta ben illustrata dalla rappresentazione dell’elemento femminile, per analizzare il quale vengono riletti i seguenti scritti di Bigongiari: “Il caso e il caos” (1961), “Il Seicento fiorentino” (1974), “Dal Barocco all’Informale” (1980), “Taccuino pittorico” (1994).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
«Letteratura & Arte» - 7, 2009.pdf

non disponibili

Dimensione 104.3 kB
Formato Adobe PDF
104.3 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/901613
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact