Il rapporto di Alfonso Gatto con le arti visive, anche in veste di pittore, è al centro di questo saggio che si concentra in particolare su due figure decisive per il pensiero e l'opera del poeta salernitano: Giacomo Leopardi e Paul Cézanne.

Un’ipotesi di poetica. Gatto, Cézanne e la “doppia vista”

DONATI, RICCARDO
2007

Abstract

Il rapporto di Alfonso Gatto con le arti visive, anche in veste di pittore, è al centro di questo saggio che si concentra in particolare su due figure decisive per il pensiero e l'opera del poeta salernitano: Giacomo Leopardi e Paul Cézanne.
9788878702516
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/901458
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact