Ha viaggiato molto Alberto Izzo, architetto e maestro napoletano, e i suoi viaggi sono raccolti come memoria e testimonianza nelle sue opere. Trame, matrici e geometrie, impresse nella mente durante l'esperienza americana, costituiscono le immagini di un vasto catalogo di conoscenze che segna la continuità tra la formazione con Giulio De Luca e Marcel Breuer, e lo studio dei maestri, Frank Lloyd Wright, Alvar Aalto, Le Corbusier. La Facoltà Teologica di Alberto Izzo a Napoli è stata una esperienza straordinaria, come lui stesso la definisce, che a soli trentasette anni lo ha visto protagonista di un progetto, la sua opera prima, che sarebbe poi nel tempo diventata la sua opera più significativa, e rappresentativa sicuramente la sua eredità di architetto e la più importante testimonianza, per tutti noi, dei suoi insegnamenti.

La Facoltà Teologica di Napoli

giovanni multari
Primo
Resources
2022

Abstract

Ha viaggiato molto Alberto Izzo, architetto e maestro napoletano, e i suoi viaggi sono raccolti come memoria e testimonianza nelle sue opere. Trame, matrici e geometrie, impresse nella mente durante l'esperienza americana, costituiscono le immagini di un vasto catalogo di conoscenze che segna la continuità tra la formazione con Giulio De Luca e Marcel Breuer, e lo studio dei maestri, Frank Lloyd Wright, Alvar Aalto, Le Corbusier. La Facoltà Teologica di Alberto Izzo a Napoli è stata una esperienza straordinaria, come lui stesso la definisce, che a soli trentasette anni lo ha visto protagonista di un progetto, la sua opera prima, che sarebbe poi nel tempo diventata la sua opera più significativa, e rappresentativa sicuramente la sua eredità di architetto e la più importante testimonianza, per tutti noi, dei suoi insegnamenti.
978-88-32072-22-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
_2022_La Facoltà Teologica di Napoli (1).pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 7.54 MB
Formato Adobe PDF
7.54 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/894655
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact