L'industria dei falsi di moda rappresenta, in ambito europeo e nazionale, una minaccia per le imprese del settore e la società nel suo complesso. L'Italia è ai primi posti in Europa sia tra i paesi consumatori sia tra quelli produttori di beni contraffatti. La Lombardia, che genera quasi un terzo del valore aggiunto del comparto tessile-abbigliamento nazionale, è tra le regioni italiane in cui si sequestrano più merci. A fronte del pesante impatto della contraffazione sul sistema socio-economico, l'anticontraffazione è ancora sottovalutata. Allo stesso modo, spesso si ignora che questo reato può essere involontariamente favorito da vulnerabilità del mercato legale che i criminali sfruttano a proprio vantaggio. Questo volume analizza proprio le vulnerabilità del sistema moda lombardo a condotte di contraffazione e usurpazione. Ne individua cioè le criticità in termini di tutela della proprietà industriale, rispondendo alle seguenti domande: quali rami e processi produttivi presentano debolezze che accrescono i rischi di contraffazione? Qual è il livello di vulnerabilità di ciascun ramo/processo produttivo? Il libro presenta i risultati di una ricerca condotta nell'ambito delle attività dell'Osservatorio per l'economia sana della Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato di Milano e realizzata dal Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale (CNPDS) in collaborazione con Transcrime, Joint Research Centre on Transnational Crime (Università degli Studi di Trento/Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano).

I falsi di moda. Le vulnerabilità del mercato italiano della moda alla contraffazione

VETTORI B
2008

Abstract

L'industria dei falsi di moda rappresenta, in ambito europeo e nazionale, una minaccia per le imprese del settore e la società nel suo complesso. L'Italia è ai primi posti in Europa sia tra i paesi consumatori sia tra quelli produttori di beni contraffatti. La Lombardia, che genera quasi un terzo del valore aggiunto del comparto tessile-abbigliamento nazionale, è tra le regioni italiane in cui si sequestrano più merci. A fronte del pesante impatto della contraffazione sul sistema socio-economico, l'anticontraffazione è ancora sottovalutata. Allo stesso modo, spesso si ignora che questo reato può essere involontariamente favorito da vulnerabilità del mercato legale che i criminali sfruttano a proprio vantaggio. Questo volume analizza proprio le vulnerabilità del sistema moda lombardo a condotte di contraffazione e usurpazione. Ne individua cioè le criticità in termini di tutela della proprietà industriale, rispondendo alle seguenti domande: quali rami e processi produttivi presentano debolezze che accrescono i rischi di contraffazione? Qual è il livello di vulnerabilità di ciascun ramo/processo produttivo? Il libro presenta i risultati di una ricerca condotta nell'ambito delle attività dell'Osservatorio per l'economia sana della Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato di Milano e realizzata dal Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale (CNPDS) in collaborazione con Transcrime, Joint Research Centre on Transnational Crime (Università degli Studi di Trento/Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
I falsi di moda.pdf

Riservato

Dimensione 847.21 kB
Formato Adobe PDF
847.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/893958
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact