La Corte costituzionale, con la decisione n. 261 del 28 dicembre 2021, ribadisce il valore primario ed assoluto del paesaggio, che non può essere subordinato a qualsiasi altro valore. Da ciò la prevalenza dei piani paesistici sulla pianificazione urbanistica e si settore, che devono conformarsi alle esigenze paesaggistiche, intese non solo quale tutela e conservazione statica dei beni, ma anche come recupero e valorizzazione dell'intero territorio.

LA CORTE COSTITUZIONALE CONFERMA IL PRIMATO DEI PIANI PAESAGGISTICI SULLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE TRA ESIGENZE DI TUTELA E RECUPERO DEL TERRITORIO

ERIK FURNO
2022

Abstract

La Corte costituzionale, con la decisione n. 261 del 28 dicembre 2021, ribadisce il valore primario ed assoluto del paesaggio, che non può essere subordinato a qualsiasi altro valore. Da ciò la prevalenza dei piani paesistici sulla pianificazione urbanistica e si settore, che devono conformarsi alle esigenze paesaggistiche, intese non solo quale tutela e conservazione statica dei beni, ma anche come recupero e valorizzazione dell'intero territorio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sentenza 261.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 4.59 MB
Formato Adobe PDF
4.59 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/890080
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact