Le elezioni regionali del 2020 sono state di fatto nazionali, per il peso dei risultati sull’equilibrio di governo e per la visibilità acquisita dalle leadership locali. Complice la gestione dell’emergenza, i Presidenti delle Regioni hanno ridefinito il proprio spazio di intervento, realizzando l’obiettivo di assumere la guida del presidio territoriale della sicurezza della popolazione. In Campania, Vincenzo De Luca ha realizzato questo obiettivo, trasformando la sua leadership di governo in una leadership popolare, attraverso uno straordinario processo di viralizzazione nazionale della sua comunicazione locale. Questo articolo analizza il caso campano a partire da quattro dimensioni: il contesto politico istituzionale, in cui avviene l’ulteriore torsione monocratica del sistema regionale; la campagna elettorale, dominata dal governatore uscente a fronte di una offerta politica debole; lo scontro centro-periferia, in cui si inscrive la “battaglia delle ordinanze” che copre l’intera gestione dell’emergenza; i risultati elettorali, che riaprono la partita locale sulla vittoria del governatore “Sceriffo”.

Campania. La lunga corsa del governatore sceriffo

Valentina Reda
Primo
2021

Abstract

Le elezioni regionali del 2020 sono state di fatto nazionali, per il peso dei risultati sull’equilibrio di governo e per la visibilità acquisita dalle leadership locali. Complice la gestione dell’emergenza, i Presidenti delle Regioni hanno ridefinito il proprio spazio di intervento, realizzando l’obiettivo di assumere la guida del presidio territoriale della sicurezza della popolazione. In Campania, Vincenzo De Luca ha realizzato questo obiettivo, trasformando la sua leadership di governo in una leadership popolare, attraverso uno straordinario processo di viralizzazione nazionale della sua comunicazione locale. Questo articolo analizza il caso campano a partire da quattro dimensioni: il contesto politico istituzionale, in cui avviene l’ulteriore torsione monocratica del sistema regionale; la campagna elettorale, dominata dal governatore uscente a fronte di una offerta politica debole; lo scontro centro-periferia, in cui si inscrive la “battaglia delle ordinanze” che copre l’intera gestione dell’emergenza; i risultati elettorali, che riaprono la partita locale sulla vittoria del governatore “Sceriffo”.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/861996
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact