La crisi finanziaria come epifania dello Stato post-moderno