Just-in-time. Il passato prossimo tra estenuazione, banalità e spreco