«LA PRATICA SENZA LA TEORICA»: QUALCHE RIFLESSIONE SULLA MEMORIA E SUL PROGETTO DELLA SCENA IN PERRUCCI (E NEL TEATRO NAPOLETANO)