Il senso del lavoro di Warhol viene di solito indicato nella consacrazione definitiva dell’incontro fra cultura alta e cultura di massa, o, all’opposto, nel freddo e neutrale accumulo di prove contro quella integrazione. Il saggio prova a sostenere che in realtà le due interpretazioni si co-appartengono, o che perlomeno Warhol non aveva alcun interesse a sciogliere una simile ambiguità. Si può dire anzi che essa sia connaturata alla sua stessa idea dell’America e – se così si può dire – dell’oggetto americano. Di qui si muove dunque per offrire una riflessione di carattere teoretico sopra lo statuto logico dell’oggetto che rende possibile questa duplicità di interpretazioni.

In a Coca-Cola World: ciò che è eguale in Andy Warhol

Massimo Adinolfi
2015

Abstract

Il senso del lavoro di Warhol viene di solito indicato nella consacrazione definitiva dell’incontro fra cultura alta e cultura di massa, o, all’opposto, nel freddo e neutrale accumulo di prove contro quella integrazione. Il saggio prova a sostenere che in realtà le due interpretazioni si co-appartengono, o che perlomeno Warhol non aveva alcun interesse a sciogliere una simile ambiguità. Si può dire anzi che essa sia connaturata alla sua stessa idea dell’America e – se così si può dire – dell’oggetto americano. Di qui si muove dunque per offrire una riflessione di carattere teoretico sopra lo statuto logico dell’oggetto che rende possibile questa duplicità di interpretazioni.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
M. Adinolfi - In a Coca-Cola World (Il Pensiero 2015).pdf

non disponibili

Dimensione 926.04 kB
Formato Adobe PDF
926.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/750746
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact