Parole senza autore e paesaggi della modernità nella lettura di Carlo Olmo