Lo studio si sofferma sul rapporto peculiare che la storiografia architettonica ha intrattenuto nel corso del Novecento con la propria iconografia. Tradizionalmente, infatti, la storia dell'architettura appunta la sua indagine su "oggetti" di straordinaria complessità, la cui gamma risulta oggi ulteriormente ampliata. Nel caso dell'architettura di età contemporanea, la frequente possibilità di documentare tutte o quasi le fasi e le vicende apre alla storiografia la possibilità un campo di scelte iconografiche, reali e virtuali, di ricchezza pressocché illimitata. Lo studio mette in luce come per tutto il Novecento, nell'ambito della composita letteratura incentrata sull'architettura moderna e contemporanea, improntata a un approccio esegetico ma più spesso apologetico, il rapporto fra iconografia e storiografia travalichi la portata di una pur feconda relazione reciproca tra "documento" e interpretazione, assumendo un preciso significato quale riflesso di scelte motivate, talora cariche di valenze "ideologiche", prim'ancora che figurative. Si dimostra come anche attorno alla rappresentazione grafica si articolino alcune significative posizioni ideologiche, complesse ancorché spesso implicite. Si evidenzia, altresì, come l'architettura del Novecento - non meno, ma anzi assi di più di quella di altre epoche - abbia dato luogo alla produzione di vere e proprie "icone", la cui circolazione ha ampiamente travalicato la cerchia dei testi più o meno specialistici, per assurgere ai fasti e nefasti del "luogo comune".

DIZIONARIO DELL'ARCHITETTURA DEL XX SECOLO. IMMAGINI E TEMI

MANGONE, FABIO;SCALVINI, MARIA LUISA
2004

Abstract

Lo studio si sofferma sul rapporto peculiare che la storiografia architettonica ha intrattenuto nel corso del Novecento con la propria iconografia. Tradizionalmente, infatti, la storia dell'architettura appunta la sua indagine su "oggetti" di straordinaria complessità, la cui gamma risulta oggi ulteriormente ampliata. Nel caso dell'architettura di età contemporanea, la frequente possibilità di documentare tutte o quasi le fasi e le vicende apre alla storiografia la possibilità un campo di scelte iconografiche, reali e virtuali, di ricchezza pressocché illimitata. Lo studio mette in luce come per tutto il Novecento, nell'ambito della composita letteratura incentrata sull'architettura moderna e contemporanea, improntata a un approccio esegetico ma più spesso apologetico, il rapporto fra iconografia e storiografia travalichi la portata di una pur feconda relazione reciproca tra "documento" e interpretazione, assumendo un preciso significato quale riflesso di scelte motivate, talora cariche di valenze "ideologiche", prim'ancora che figurative. Si dimostra come anche attorno alla rappresentazione grafica si articolino alcune significative posizioni ideologiche, complesse ancorché spesso implicite. Si evidenzia, altresì, come l'architettura del Novecento - non meno, ma anzi assi di più di quella di altre epoche - abbia dato luogo alla produzione di vere e proprie "icone", la cui circolazione ha ampiamente travalicato la cerchia dei testi più o meno specialistici, per assurgere ai fasti e nefasti del "luogo comune".
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
F. Mangone, M.L.Scalvini, Immagini e temi, Dizionario dell'architettura del XX secolo, Treccani 2004.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.79 MB
Formato Adobe PDF
3.79 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/7464
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact