Se «il concetto dello spirito ha la sua realtà nello spirito», come scrive Hegel in apertura della sezione dell’Enciclopedia dedicata allo spirito assoluto, allora è chiaro che il suo semplice aver luogo sta sotto un altro titolo: non già quello della realtà, ma quello della «esistenza esterna e comune» in cui lo spirito si «dirompe». È però a questa esistenza esterna e comune, nei luoghi istituzionali in cui le forme dello spirito prendono casa, che vorremmo porre attenzione, non avendo più la capacità enciclopedica di ricapitolarle tutte nel concetto, o nell’Idea che pensa se stessa. Qual è oggi – questa è la questione che funge da filo conduttore al fascicolo – il rapporto che arte, religione, filosofia intrattengono con le istituzioni che l’organizzazione sociale destina loro: il museo, la Chiesa, l’università? Non ne sono sempre più lontane? E anche la politica: non è essa segnata da un sempre maggiore distacco di bisogni, interessi e domande, che faticano ad articolarsi politicamente, dai luoghi deputati, dalle istituzioni della democrazia rappresentativa? Quale significato, quale ampiezza e quale possibile decorso ha questo fenomeno di presa di distanza, se non di vera e propria defezione? È possibile interrogarlo filosoficamente, nel suo complesso ma anche – anzi: soprattutto – nello specifico di quel che accade in ciascuno degli ambiti indicati, andando oltre la pur necessaria ricognizione storico-sociologica?

Il Pensiero. Rivista di filosofia. LVII, 1, 2018: Fuori luogo

Massimo Adinolfi
2018

Abstract

Se «il concetto dello spirito ha la sua realtà nello spirito», come scrive Hegel in apertura della sezione dell’Enciclopedia dedicata allo spirito assoluto, allora è chiaro che il suo semplice aver luogo sta sotto un altro titolo: non già quello della realtà, ma quello della «esistenza esterna e comune» in cui lo spirito si «dirompe». È però a questa esistenza esterna e comune, nei luoghi istituzionali in cui le forme dello spirito prendono casa, che vorremmo porre attenzione, non avendo più la capacità enciclopedica di ricapitolarle tutte nel concetto, o nell’Idea che pensa se stessa. Qual è oggi – questa è la questione che funge da filo conduttore al fascicolo – il rapporto che arte, religione, filosofia intrattengono con le istituzioni che l’organizzazione sociale destina loro: il museo, la Chiesa, l’università? Non ne sono sempre più lontane? E anche la politica: non è essa segnata da un sempre maggiore distacco di bisogni, interessi e domande, che faticano ad articolarsi politicamente, dai luoghi deputati, dalle istituzioni della democrazia rappresentativa? Quale significato, quale ampiezza e quale possibile decorso ha questo fenomeno di presa di distanza, se non di vera e propria defezione? È possibile interrogarlo filosoficamente, nel suo complesso ma anche – anzi: soprattutto – nello specifico di quel che accade in ciascuno degli ambiti indicati, andando oltre la pur necessaria ricognizione storico-sociologica?
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il Pensiero LVII, 2018-1. Fuori Luogo.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 994.95 kB
Formato Adobe PDF
994.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/744138
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact