L’immagine tra superficie e poca profondità