Sulla convergenza dei punti di minimo di funzionali degeneri non equicoercitivi