La disabilità mentale tra vulnerabilità soggettiva e controllo sociale. Il caso della sofferenza psichica