Nel G7 di Charlevoix il climate change, protagonista degli accordi di Parigi del 2015, ha lasciato il posto nei media alla discussione sui dazi e alle tensioni internazionali determinate dalle posizioni di Donald Trump su commercio, Russia e Iran. Uno slittamento dettato dall’urgenza, ma anche un chiaro segnale di un cambiamento di narrazione e approccio, che punta dritto al nocciolo della questione energetica e della bilancia mondiale delle esportazioni nel settore

Green is the new black. Comunicazione, politica e climate change

Rosanna De Rosa
Writing – Original Draft Preparation
;
Valentina Reda
Writing – Original Draft Preparation
2018

Abstract

Nel G7 di Charlevoix il climate change, protagonista degli accordi di Parigi del 2015, ha lasciato il posto nei media alla discussione sui dazi e alle tensioni internazionali determinate dalle posizioni di Donald Trump su commercio, Russia e Iran. Uno slittamento dettato dall’urgenza, ma anche un chiaro segnale di un cambiamento di narrazione e approccio, che punta dritto al nocciolo della questione energetica e della bilancia mondiale delle esportazioni nel settore
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1594-6061-27594-8.pdf

embargo fino al 29/02/2020

Descrizione: rubrica
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 142.87 kB
Formato Adobe PDF
142.87 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/737745
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact