L’opera del gesuita si può considerare uno degli ultimi baluardi della scolastica cattolica, poiché in essa si fa della retorica uno strumento raffinato per l’autoaffermazione e l’autoreferenzialità. Gabriel Vázquez descrive una natura che passa attraverso il filtro della ratio, che si produce in calcoli raffinati tali da disegnare una realtà ordinata e, preferibilmente, circolare, dove ogni cosa trova il suo posto per se stesso e rispetto alle altre cose. Esattamente come i semi di girasole che disegnano ordinatamente una spirale, occupando tutti gli spazi a disposizione, in una rinnovata prospettiva di rigidità dell’ordine delle cose – rigido perché razionalmente composto – e non permissiva di rotture – pena la non conformità alla natura razionale e, quindi, alla generazione del peccato – ci troviamo di fronte ad una ragione che assume il duplice valore di “regolo a priori” e di “regolo a posteriori”. La conseguenza che se ne trae è che, per il gesuita, la natura razionale è tale in quanto non implica contraddizione e la realtà in cui è immerso l’uomo non può che esser descritta attraverso una sequenza apparentemente ordinata, che non riesce, tuttavia, a spiegare l’aporia del “frattale”, ovvero delle molteplici contraddizioni di cui è fatta la vita stessa.

Suapte Natura. L’intrinseca forma razionale della natura: Gabriel Vázquez

Faraco Cintia
2017

Abstract

L’opera del gesuita si può considerare uno degli ultimi baluardi della scolastica cattolica, poiché in essa si fa della retorica uno strumento raffinato per l’autoaffermazione e l’autoreferenzialità. Gabriel Vázquez descrive una natura che passa attraverso il filtro della ratio, che si produce in calcoli raffinati tali da disegnare una realtà ordinata e, preferibilmente, circolare, dove ogni cosa trova il suo posto per se stesso e rispetto alle altre cose. Esattamente come i semi di girasole che disegnano ordinatamente una spirale, occupando tutti gli spazi a disposizione, in una rinnovata prospettiva di rigidità dell’ordine delle cose – rigido perché razionalmente composto – e non permissiva di rotture – pena la non conformità alla natura razionale e, quindi, alla generazione del peccato – ci troviamo di fronte ad una ragione che assume il duplice valore di “regolo a priori” e di “regolo a posteriori”. La conseguenza che se ne trae è che, per il gesuita, la natura razionale è tale in quanto non implica contraddizione e la realtà in cui è immerso l’uomo non può che esser descritta attraverso una sequenza apparentemente ordinata, che non riesce, tuttavia, a spiegare l’aporia del “frattale”, ovvero delle molteplici contraddizioni di cui è fatta la vita stessa.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/729558
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact