La comunicazione scritta, confluita nella raccolta degli abstract del convegno, ha inteso illustrare sinteticamente i termini del contrasto tra la recente legge italiana n. 76/2016, che ha escluso l'applicabilità alle persone omosessuali unite civilmente delle norme sull'adozione, e la posizione della giurisprudenza, che, invece, ha dato ingresso a forme di "stepchild adoption" anche nel nostro ordinamento. Si è voluta, così, evidenziare la necessità di un intervento chiarificatore che possa dare risposta ad una istanza sociale sempre più viva, senza discostarsi dal fondamentale criterio del "best interest of the child".

La stepchild adoption nell'esperienza italiana

F. Di Lella
2017

Abstract

La comunicazione scritta, confluita nella raccolta degli abstract del convegno, ha inteso illustrare sinteticamente i termini del contrasto tra la recente legge italiana n. 76/2016, che ha escluso l'applicabilità alle persone omosessuali unite civilmente delle norme sull'adozione, e la posizione della giurisprudenza, che, invece, ha dato ingresso a forme di "stepchild adoption" anche nel nostro ordinamento. Si è voluta, così, evidenziare la necessità di un intervento chiarificatore che possa dare risposta ad una istanza sociale sempre più viva, senza discostarsi dal fondamentale criterio del "best interest of the child".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/695830
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact