Università: luogo di crescita o di interessi?