Dalla Corte di Cassazione un'occasione per tornare a riflettere sulla compatibilità tra impresa familiare e forme collettiva di impresa