Due visioni del diritto civile. Note a margine di un recente libro di Massimo Brutti