Profilassi antitromboembolica nel trauma scheletrico maggiore. Il punto di vista dell’ortopedico