Francofonia, quale approccio critico?