A proposito di "Mondi connessi" di Sanjay Subrahmanyam