Negli ultimi anni abbiamo assistito a eventi naturali che hanno avuto ripercussioni impressionanti sulle città e sugli abitanti, evidenziando un’elevatissima vulnerabilità dei territori. In questo contesto, la Protezione Civile Nazionale ha obbligato le Amministrazioni Locali a dotarsi di un Piano di Emergenza sulla base dell’analisi dei rischi. Il contributo proposto illustra l’applicazione di una metodologia innovativa che valorizza, per la stima della vulnerabilità, l’analisi urbana/edilizio ed il funzionamento delle strutture sanitarie in emergenza.

Metodi innovativi sullo studio della vulnerabilità territoriale per la redazione di Piani di Emergenza

CASTELLUCCIO, ROBERTO;FUMO, MARINA;POLVERINO, FRANCESCO;
2015

Abstract

Negli ultimi anni abbiamo assistito a eventi naturali che hanno avuto ripercussioni impressionanti sulle città e sugli abitanti, evidenziando un’elevatissima vulnerabilità dei territori. In questo contesto, la Protezione Civile Nazionale ha obbligato le Amministrazioni Locali a dotarsi di un Piano di Emergenza sulla base dell’analisi dei rischi. Il contributo proposto illustra l’applicazione di una metodologia innovativa che valorizza, per la stima della vulnerabilità, l’analisi urbana/edilizio ed il funzionamento delle strutture sanitarie in emergenza.
978-88-916-1906-8
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Metodi innovativi sullo studio della vulnerabilità territoriale per la redazione di Piani di Emergenza.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: Articolo di sintesi di attività di ricerca
Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.37 MB
Formato Adobe PDF
1.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/615978
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact