Una delle questioni più importanti del concorso è stata quella riguardante la definizione del progetto del comparto urbano tra le strade Pilsudski, Zielinski, la ferrovia e Lelewel. Dopo la costruzione della vicina scuola di musica, la realizzazione della Corte d’Appello costituirà la "chiusura" del comparto e instaurerà una relazione fra le parti della città attorno al sito di destinazione dell’intervento creando un nuovo fronte strada tra via Pilsudski e il viadotto della ferrovia. La proposta prevede, per lo sviluppo della prima fase, in accordo con le indicazioni del piano urbanistico, la creazione di una facciata lungo il perimetro del lotto lasciando libero lo spazio interno al comparto. L'edificio è stato progettato secondo quelli che sono i severi standard in materia di disposizione funzionale in merito alla progettazione di una Corte d’Appello e secondo, quindi, le esigenze del cliente. L'ingresso principale dell'edificio è collocato sul fronte strada Zielinski. Dai portici del palazzo si può andare al cortile del tribunale - al giardino, oppure scegliere uno dei due ingressi - per i clienti del tribunale oppure l’entrata per i dipendenti. Al piano terra, nel lato a disposizione degli utenti, è situata la sala principale con accesso agli spogliatoi, alla sala lettura delle cartelle, al bar e alle stanze per gli avvocati e i procuratori. Nella parte dell’ingresso laterale destinato ai dipendenti è stato collocato l’hotel, che possiede un ingresso indipendente dalla strada Pilsudski. L'intero primo piano del palazzo è stato progettato per le aule di tribunale con annesse stanze di servizio. Tutte i percorsi per i giudici, i testimoni, il pubblico e gli imputati sono stati separati. Le segreterie occupano il secondo piano come le stanze per gli assistenti di dipartimento e gli uffici amministrativi mentre al terzo piano si trovano gli uffici finanziari e quelli destinati al controllo del personale.

Concorso per la progettazione architettonica della Corte d’Appello di Wroclaw – Polonia

VISCONTI, FEDERICA;
2015

Abstract

Una delle questioni più importanti del concorso è stata quella riguardante la definizione del progetto del comparto urbano tra le strade Pilsudski, Zielinski, la ferrovia e Lelewel. Dopo la costruzione della vicina scuola di musica, la realizzazione della Corte d’Appello costituirà la "chiusura" del comparto e instaurerà una relazione fra le parti della città attorno al sito di destinazione dell’intervento creando un nuovo fronte strada tra via Pilsudski e il viadotto della ferrovia. La proposta prevede, per lo sviluppo della prima fase, in accordo con le indicazioni del piano urbanistico, la creazione di una facciata lungo il perimetro del lotto lasciando libero lo spazio interno al comparto. L'edificio è stato progettato secondo quelli che sono i severi standard in materia di disposizione funzionale in merito alla progettazione di una Corte d’Appello e secondo, quindi, le esigenze del cliente. L'ingresso principale dell'edificio è collocato sul fronte strada Zielinski. Dai portici del palazzo si può andare al cortile del tribunale - al giardino, oppure scegliere uno dei due ingressi - per i clienti del tribunale oppure l’entrata per i dipendenti. Al piano terra, nel lato a disposizione degli utenti, è situata la sala principale con accesso agli spogliatoi, alla sala lettura delle cartelle, al bar e alle stanze per gli avvocati e i procuratori. Nella parte dell’ingresso laterale destinato ai dipendenti è stato collocato l’hotel, che possiede un ingresso indipendente dalla strada Pilsudski. L'intero primo piano del palazzo è stato progettato per le aule di tribunale con annesse stanze di servizio. Tutte i percorsi per i giudici, i testimoni, il pubblico e gli imputati sono stati separati. Le segreterie occupano il secondo piano come le stanze per gli assistenti di dipartimento e gli uffici amministrativi mentre al terzo piano si trovano gli uffici finanziari e quelli destinati al controllo del personale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/610667
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact