«Medii Æevi opus non inconcinnum». Le vicende di una scultura della collezione Bernardi di Lucca