La percezione dello status occupazionale: il caso svedese