Atti delle Giornate internazionali di studio "Abitare il futuro" 2° Edizione, Napoli 12-13 dicembre 2012 Nell’attuale congiuntura politico-economica, che risente degli effetti generati dalla crisi finanziaria globale partita nel 2007-08, la riduzione della spesa pubblica in settori nevralgici come i servizi, le attrezzature e il welfare, si incrocia con forme diffuse di conflitto sociale e di emergenza ambientale, richiamando l’attenzione, in Europa come altrove, verso modelli innovativi di abitabilità ispirati a principi di adattamento ed innovazione. In questo quadro, il tema dei diritti alla città, all’ambiente e alla casa si ripropone come una delle questioni centrali su cui la pianificazione dello spazio abitato è chiamata a interrogarsi mettendo in discussione temi, strategie e strumenti di progettazione e di governo. In tal modo ritorna fondamentale il tema del progetto della residenza, attraverso il quale risulta possibile approfondire questioni finora poco esplorate nella città contemporanea; infatti è sempre più chiaro che la stessa questione dell’abitare da un lato investe il rapporto con le articolate formazioni urbane attuali e con nuove categorie spaziali, e dall’altro il mondo delle costruzioni in termini di sostenibilità ambientale, uso razionale delle risorse, gestione dei patrimoni esistenti. In questa prospettiva, si pone l’invito rivolto a studiosi di diversi campi disciplinari coinvolti nelle trasformazioni dello spazio abitato a partecipare ad un confronto su diverse ipotesi di lavoro, da formulare seguendo le tracce: Strumenti e strategie per abitare la crisi; Abitare: il progetto della residenza; Processi sostenibili per la qualità dell’abitare.

Abitare il nuovo/abitare di nuovo ai tempi della crisi

BELLOMO, MARIANGELA;CAFIERO, GIOCONDA;D'Ambrosio V.;Fumo M.;Lieto L.;MIANO, PASQUALE;Palestino M. F.;
2012

Abstract

Atti delle Giornate internazionali di studio "Abitare il futuro" 2° Edizione, Napoli 12-13 dicembre 2012 Nell’attuale congiuntura politico-economica, che risente degli effetti generati dalla crisi finanziaria globale partita nel 2007-08, la riduzione della spesa pubblica in settori nevralgici come i servizi, le attrezzature e il welfare, si incrocia con forme diffuse di conflitto sociale e di emergenza ambientale, richiamando l’attenzione, in Europa come altrove, verso modelli innovativi di abitabilità ispirati a principi di adattamento ed innovazione. In questo quadro, il tema dei diritti alla città, all’ambiente e alla casa si ripropone come una delle questioni centrali su cui la pianificazione dello spazio abitato è chiamata a interrogarsi mettendo in discussione temi, strategie e strumenti di progettazione e di governo. In tal modo ritorna fondamentale il tema del progetto della residenza, attraverso il quale risulta possibile approfondire questioni finora poco esplorate nella città contemporanea; infatti è sempre più chiaro che la stessa questione dell’abitare da un lato investe il rapporto con le articolate formazioni urbane attuali e con nuove categorie spaziali, e dall’altro il mondo delle costruzioni in termini di sostenibilità ambientale, uso razionale delle risorse, gestione dei patrimoni esistenti. In questa prospettiva, si pone l’invito rivolto a studiosi di diversi campi disciplinari coinvolti nelle trasformazioni dello spazio abitato a partecipare ad un confronto su diverse ipotesi di lavoro, da formulare seguendo le tracce: Strumenti e strategie per abitare la crisi; Abitare: il progetto della residenza; Processi sostenibili per la qualità dell’abitare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/515150
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact