Sulla teoria delle valutazioni di N. C. A. da Costa