Sulla determinazione d'un coefficiente di attrito cinetico equivalente