Su un’esperienza di lesività della regione maxillo-facciale da incidenti del traffico. Riflessioni sulle dinamiche e sul danno immediato e a distanza